LA MIGLIORE MUSICA INDIANA – Video

la migliore musica indianaCon una popolazione di quasi 1 Miliardo di persone, e con una storia ben più antica della Nostra, la Musica Indiana ha radici molto profonde in questa antica cultura, in particolare, si considera musica indiana la musica classica indiana, che era tale anche 4.000 anni fa, cioè musica del bacino del fiume Indù e musica del sud dell’India, che si sono sviluppate parallelamente, partendo da una stessa radice, cioè le regolate del Raga, una struttura musicale, ed ha avuto, negli ultimi tempi, grandi interpreti, come: 

  1. D. K. Pattammal,
  2. Mangalampalli Balamuralikrishna,
  3. K. J. Yesudas,
  4. T. Sankaranarayanan
  5. Madurai T N Seshagopalan.
  6. M. S. Subbulakshmi
  7. M L Vasanthakumari,
  8. G N Balasubramaniam,
  9. Dott. S. Ramanathan,
  10. Chembai Vaidyanatha Bhagavatar,
  11. Vidwan
  12. Gopala Pillai

Se questa rimane una notevole espressione artistica, io ho gusti un pò più sempliciotti, direi, e preferisco la musica jazz-indiana, se così possiamo definirla, che usa strumenti della musica classica indiana ma che ha nell’improvvisazione e nel virtuosismo la sua espressione più forte, nonchè la musica del Punjab, ritmatissima.

musica indiana hot
Sopra: il sitar è il simbolo stesso della musica indiana; pare sia stato importato dalla Persia in India, e significa ‘tre corde’, ha fino a venti tasti incurvati e si suona più o meno come una chitarra, questo sttrumento diventò famoso in tutto il mondo, dopo che George Harrison iniziò ad utilizzarlo nelle incisioni dei Beatles, George, andò a lezione proprio da Ravi Shangar, questo strumento, per anni veniva suonato dalle più importanti band rock mondiali, fino ai primi anni ’70. 


Ustad Zakir Hussain, è considerato uno dei più performanti percussionisti di tabla indiano, ed è forse il migliore suonatore di tabla vivente,  anche un noto attore,  qui sopra in uno strepitoso assolo in un concerto, insieme alla chitarra jazz di John McLaughin, si può notare che fa molto di più che suonare e improvvisare, sembra che il suo tabla parli allo spettatore, parli una lingua internazionale, quella della musica di rara qualità. Hussain ha iniziato a suonare il tabla da giovanissimo, appena bambino, un grande della Musica Indiana
In questo straordinario concerto, che si è svolto a Vienna nel 2004 ecco

  1. John McLaughlin – chitarra elettrica
  2. Shankar Mahadevan – voce
  3. Zakir Hussain – tabla 
  4. Vinayakam – ghatam

che ci fanno capire come la musica indiana sia particolarmente adatta a mescolarsi con il jazz, assolutamente straordinari tutti quanti….


Sopra: La Musica del Punjab è la musica indiana che preferisco; il Punjab, non è una nazione, ma un territorio compreso tra il Pakistan e l’India, e deriva sia da musica popolare che dalla musica di tradizione Sufi, quindi sacra, purtroppo questa musica non è molto conosciuta in Italia, è questo è male, molto male. 

In effetti, questo tipo di musica, ultimamente è quella più commerciale che proviene dall’India, ma che ci volete fare, io ho una bella passione per la Punjabi music, il ritmo trascinante, l’aria di festa, e anche se ora come ora, questo stile di musica, o perlo meno quello che più si ascolta è fatto utilizzando software come autoTune, è troppo bella, e credo che la contaminazione con l’hip-hop, il fatto che venga largamente usata nei film di Bollywood, l’attrice del filmato sopra è Aishwaria Rai, che è unaminemente considerata la donna più bella del mondo.  stia dando una grande popolarità 

. La musica Sufi, si può dividere così:

  1. Baba Farid
  2. Bulleh Shah
  3. Shah Hussain
  4. Waris Shah
  5. Mian Muhammad Bakhsh


Sopra: ecco una tipica canzone popolare Indiana, la cosa interessante che la Musica del Punjab mette d’accordo due popoli, quello indiano e quello pakistano, da sempre in disaccordo un pò su tutto, dalla religione alla politica da seguire, il Pakistan e l’india erano un’unica colonia inglese, fino alla loro indipendenza, quando si divisero come nazioni ci furono migliaia di morti negli scontri tra musulmani ed indù, ci fu una sorta di deportazione volontaria: chi era musulmano andò in Pakistan, chi era Indù andò in India, uno dei più grandi fallimenti politici e personali del Mahatma Gandhi.

La musica folk del Punjab è la musica tradizionale del Punjab prodotta utilizzando gli strumenti musicali tradizionali; vi è una vasta gamma di canzoni folk per ogni occasione, dalla nascita alla morte, compreso il matrimonio, feste, fiere e cerimonie religiose.

Di seguito: alcuni strumenti tipici della musica del Punjab:

  1. Tumbi,
  2. Algoze,
  3. Dhadd,
  4. Sarangi,
  5. Chimta.